“SANDRA LAZZARINI – BUCATO – L’autoritratto è un nuovo modo di vedersi e di misurarsi con il mondo circostante.”

Sandra Lazzarini vive e lavora a Forlì. Inizia ad interessarsi di fotografia nei primi anni del duemila quando acquista una biottica degli anni ’70 e il suo approccio con luce, forma e colore comincia a compiere i primi passi. Autodidatta, con solo alle spalle un workshop sulla street photography frequentato a New York, si dedica al mezzo secondo le sue necessità espressive e secondo la sua fantasia.
Il suo lavoro si basa soprattutto sull’autoritratto e da qualche anno porta avanti una ricerca in continuo divenire. Nei suoi scatti cerca di fondere sé stessa con l’ambiente circostante, il suo corpo esce dà sé stesso divenendo un oggetto ambientale che crea una fusione estetica e formale. Ciò lo notiamo particolarmente nel suo ultimo lavoro, ”Bucato”.

Sandra ci racconta che i panni stesi l’hanno sempre affascinata e rassicurata, per il loro profumo avvolgente e perché, da bambina, erano un nascondiglio perfetto. Quando ha cambiato casa si è ritrovata nella corte interna ad ammirare la danza che il vento creava con i panni stesi dei suoi vicini. Affascinata dai colori, dalle forme, si è chiesta come un momento così banale e domestico, che tutti viviamo almeno una volta nella vita, potesse essere così poetico. Inizia così a realizzare quasi per caso i primi scatti di questa serie, fino a costruire lei stessa la scena. La scelta meticolosa coinvolge tutto, da cosa appendere al come e dove, e in che modo includere sè nello scatto per svelarsi e nascondersi. E’ un gioco che rivela un corpo sensuale, timido, impacciato.

Qui sotto, l’intervista che abbiamo svolto con Sandra.


Quando hai iniziato a fotografare?

La fotografia è sempre stata un mio passatempo fin da ragazzina, ma diciamo che ho iniziato in maniera più “seria” quando una decina di anni fa comprai una biottica, una  Yashica Mat 124g, inizialmente però erano più che altro esperimenti per imparare ad usarla e per riuscire a fare foto dritte.

1
Sandra Lazzarini – Bucato

Che cos’è per te la fotografia oggi?

Istintivamente mi viene da pensare che per me oggigiorno la fotografia è condivisione. Non sono una demonizzatrice dei social perché per esperienza personale sono stati e sono tutt’ora un potente mezzo per farsi conoscere e per conoscere. Mi piace condividere e mi piace pensare di potermi “avvicinare” all’arte di qualcun altro nel modo più facile e più comodo possibile.

Quali fotografi ti hanno influenzato maggiormente o a chi/cosa ti ispiri per creare?

Inconsciamente credo che mi ispirino un po’ tutti i fotografi che mi piacciono particolarmente, talvolta sono fotografi famosi e altre volte fotografi che seguo su Instagram o Flickr e spesso scopro tante similitudini con fotografi di cui non conoscevo nemmeno l’esistenza.
Ovviamente prediligo i fotografi che come me basano il loro lavoro sull’ autoritratto o sul concetto di “faceless”, per questo non posso non citare Francesca Woodman così evanescente e brutale allo stesso tempo. Adoro la genialità e l’ironia di Luigi Ontani: a distanza di anni i suoi autoscatti sono sempre attualissimi, anzi, precursori di tanto fare che si incontra oggi. Poi ovviamente una menzione va fatta per Franco Fontana che è il maestro di tutto.

3
Sandra Lazzarini – Bucato

Nel mio piccolo mi ispiro tanto a quello che mi circonda e a quello che vedo, ultimamente nella mia serie di autoritratti dietro il bucato appena steso, sono i vestiti stessi a chiamarmi, così come la luce in quel determinato momento o il muro ammuffito che è il fondale sempre perfetto.

Quali sono le tematiche a cui sei più vicino e perché senti questa necessità?

Ovviamente l’autoritratto e per rispondere alla tua domanda, cito una frase di Giovanna Calvenzi, curatrice della mostra “Autoritratto in assenza” che si è tenuta lo scorso anno presso il Cifa di Bibbiena (Centro Italiano della Fotografia d’Autore) alla quale ho avuto il piacere di poter partecipare: “Questa è una storia che voglio raccontare e io ne sono protagonista occasionale“. Questo per esprimere una riflessione più ampia che si distacca dall’aspetto narcisistico e di affermazione di sé che spesso le immagini (o se preferisci i selfie) contemporanee comportano. L’autoritratto non è più uno studio su se stessi o sulla propria fisicità, ma un nuovo modo di vedersi e di misurarsi con il mondo circostante.

Sei emotivamente coinvolto dai soggetti che fotografi? Che cosa significano loro per te?

Ovviamente sì, visto che il soggetto in questione sono io, però devo confessarti che nei miei autoritratti c’è la parte meno emotiva di me. Il mettermi davanti all’obiettivo non lo vedo come il deus ex machina delle mie emozioni, delle mie frustrazioni o del mio malumore. Mi piace giocare con il mio corpo, mi diverto a inventare nuove situazioni da immortalare, mi piace costruire una storia e fermare un istante che possa far sorridere o perché no, solleticare la fantasia di chi la osserva.

11
Sandra Lazzarini – Bucato

Un libro che ti ha profondamente cambiato e perché?

“Fuoco centrale e altre poesie per il teatro” di Mariangela Gualtieri. Sono poesie che mi scorticano ogni volta che le leggo.

Le fotografie di Sandra sono state pubblicate su diverse riviste cartacee nazionali e internazionali come C41Magazine, Frankie Magazine, Ramona Magazine, A Love Token e su magazine online come Lamono, Frizzifrizzi, Aurora Fotografi,Ignant, Worbz.

Con alcune opere ha inoltre partecipato a mostre collettive come “Autoritratto in assenza” presso il CIFA- Centro Italiano della Fotografia d’Autore (Bibbiena), Fotografia Europea circuito Off (Reggio Emilia), “Female Views” Galleria PaC a Novi (MO), “Prima o poi l’amore arriva” Galleria Marcolini (FC)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Instagram

Flickr

Webiste

 

Chiara Cordeschi 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...